NOTA!! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Psicologia e Apprendimento

Il blog di Centro Leonardo

Bullismo, luoghi comuni e conseguenze

Da anni il bullismo è sotto i proiettori della scuola, delle famiglie e della cronaca. Nel tempo si sono create false credenze rispetto a questo fenomeno, i dati possono aiutarci a smentirle e ad avere un'idea più chiara della portata di questo problema sociale.

"Gli atti di bullismo si concentrano soprattutto nelle zone più povere e degradate".
Più della metà dei casi nazionali di bullismo si sono verificati nel nord Italia e la maggior parte delle vittime sono di nazionalità italiana.

"Il bullismo è una questione prevalentemente maschile".
Se è vero che il 60% dei bulli sono maschi, è bene non sottovalutare che le ragazze sono più di frequentemente vittime di cyberbullismo. Inoltre, mentre tra il genere maschile prevalgono le forme dirette, tra le femmine la differenza tra quelle dirette ed indirette è minima, quindi più difficilmente identificabile.


"Il bullismo è un fenomeno tipicamente adolescenziale".

Sebbene le richieste d'aiuto arrivino soprattutto da preadolescenti e adolescenti, l'età di esordio si sta abbassando, i primi episodi si segnalano addirittura intorno ai 5-6 anni, e in più di 1 caso su 4 le vittime hanno meno di 10 anni.

Si sentono poi spesso frasi come: "Il bullismo è solo una ragazzata" oppure "Bisogna contrastare la violenza fisica, le prepotenze fanno parte della crescita".
Queste affermazioni tendono a non tenere in considerazione la portata del problema. Le vittime di bullismo possono presentare sintomi fisici come mal di pancia, mal di stomaco, mal di testa, sintomi psicologici quali disturbi del sonno, incubi, attacchi d'ansia, svalutazione della propria identità, scarsa autostima, fino a sviluppare vere e proprie psicopatologie come la depressione, comportamenti autolesivi. I bulli possono presentare un calo nel rendimento scolastico, difficoltà relazionali, disturbi della condotta e veri e propri disturbi antisociali.



"Le scuole possono far poco per contrastare il bullismo".
La scuola è uno dei luoghi principali in cui avvengono gli atti violenti, ma anche quello in cui gli adulti, come gli insegnanti, sono maggiormente a contatto con i giovani. Quindi si presta sicuramente come luogo principale in cui fare prevenzione ed intervento. E' importante promuovere a tal fine attività educative che promuovano competenze emotive ed empatiche al fine di migliorare il clima in classe, creare spazi di ascolto diretti per i ragazzi e dotare la scuola di un sistema che stabilisca azioni e responsabilità in modo da intervenire e gestire immediatamente i casi conclamati di bullismo.

Altri articoli...

22 Maggio 2018
Scuola
Tecnologia
DSA-BES
Dott. Jacopo Lorenzetti - Secondo episodio, dopo il pezzo sulle mappe conce...
22 Marzo 2018
Scuola
Tecnologia
Le gite "del futuro": direttamente dall'aula adesso è possibile esplorare il Mus...
18 Ottobre 2019
Ricerca
DSA-BES
ADHD
Una nuova ricerca* del King's College di Londra e dell'Università di Pavia ...
23 Ottobre 2018
Scuola
Tecnologia
Ricerca
Per realtà aumentata si intende l'arricchimento della percezione sensoriale uman...

Centro Leonardo sul web

 

  

Centro Leonardo su TeleNord

  • TGN - i DSA

  • Il Logopedista per curare i disturbi del linguaggio

  • L’orientamento scolastico

Centro Leonardo su Radio 19

  • Chi può fare la diagnosi DSA
    Chi può fare la diagnosi DSA

  • Compiti e DSA
    Compiti e DSA

  • DSA e difficoltà emotive
    DSA e difficoltà emotive

  • DSA e inglese
    DSA e inglese

  • DSA quando intervenire
    DSA quando intervenire

  • Il tutor didattico
    Il tutor didattico

  • La dislessia
    La dislessia

  • La dislessia (2)
    La dislessia (2)

  • Le competenze matematiche
    Le competenze matematiche

  • Senso di efficacia e impotenza appresa
    Senso di efficacia e impotenza appresa

  • Sport e DSA
    Sport e DSA

Search