NOTA!! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Psicologia e Apprendimento

Il blog di Centro Leonardo

Come gestire i social media in classe? I 5 consigli per gli insegnanti di Lucie Renard

È possibile utilizzare i social media in classe? Secondo Lucie Renard, digital marketeer e insegnante che si occupa di scrivere articoli educativi nel blog della pagina BookWidgets, sì. L'esperta ci propone 5 suggerimenti per rendere più gestibile l'utilizzo delle piattaforme social all'interno della classe.

1. È necessario parlarne
Molti insegnanti ritengono l'uso dei social una cosa pericolosa e tendono così ad evitarli e/o a vietarne l'utilizzo. Ma nel mondo di oggi i social media fanno parte della quotidianità di tutti e la cosa peggiore che si può fare è proprio quella di ignorarli. Parlare dei social in modo negativo o non parlarne affatto ha come unico risultato il fatto che gli studenti, nel momento in cui incontrano un problema, anche serio, preferiscono non dire nulla per paura di essere puniti. Un modo utile per parlare dei social media in classe e valutare quali possano essere i pericoli di determinati usi e quali i riscontri positivi, sembrerebbe essere quello di integrarli nelle lezioni in classe. Far fare un video su youtube ai propri studenti su un determinato argomento potrebbe essere sicuramente molto più interessante per loro rispetto ad ascoltare una lezione frontale in modo passivo!

2. Bisogna creare delle regole
L'uso dei social in classe va comunque tenuto sotto controllo e vanno determinate alcune regole da far rispettare. Una possibile regola può essere per esempio l'utilizzo limitato all'intervallo e a scopo didattico durante le lezioni, se l'insegnante lo dice. Se questa regola non viene rispettata spontaneamente potrebbe essere utile creare una sorta di "prigione per smartphone", ovvero una scatola o un cestino in cui riporre tutti i cellulari prima dell'inizio della lezione. È bene coinvolgere gli studenti durante la creazione delle regole, in modo da formare una sorta di patto personalizzato per classe tra alunni e insegnanti: se prendono parte attiva alla costruzione del regolamento sarà più facile per loro rispettarlo. Ogni studente potrebbe anche avere il compito di star attento che tutti rispettino le regole, concordando tutti insieme preventivamente le possibili sanzioni per chi trasgredisce.

3. Coinvolgere i genitori
È importante che i genitori siano a conoscenza di cosa i figli abbiano imparato a scuola dall'insegnante in merito ai social. Dopotutto, se usano i social a scuola li useranno ancora di più a casa! È bene che i genitori siano quindi informati sui pericoli e sui benefici dei social in modo da poter aiutare i propri figli nel caso si verificasse un problema. Come abbiamo detto poco sopra, se i ragazzi non si sentono appoggiati dalle figure di riferimento difficilmente si rivolgeranno a loro in una situazione di pericolo, ma tenderanno a sbrigarsela da soli, magari apportando ulteriori danni.

4. Imparare ad usare i social anche da soli
Come può un insegnante usare i social media in classe e aiutare i propri studenti a usarli responsabilmente se non li conosce affatto? Ci sono moltissime modalità e opportunità per adattare i social alle proprie lezioni in classe, basta imparare a conoscerli! Per esempio potrebbe essere utile utilizzare Facebook per crearvi all'interno un gruppo classe: gli studenti saranno più propensi a condividere cose che ritengono interessanti e a porre domande a cui può rispondere l'insegnante, ma anche gli stessi studenti aiutandosi vicendevolmente. Oppure è possibile usare Instagram coinvolgendo gli studenti in progetti fotografici riguardo determinati argomenti o usarlo per presentarsi attraverso delle immagini significative che li rappresentano. E perché non usare Snapchat? I ragazzi lo adorano! È possibile creare dei mini video o foto di apprendimento relativi a un determinato tema affrontato in classe. Gli studenti saranno più motivati a guardarli e quindi a imparare. E, soprattutto, si renderanno conto che anche gli insegnanti sono umani! Anche Twitter è un social che ben si presta ad essere utilizzato a scuola: può essere usato per creare dei feed dedicati a test o quiz, oppure per creare dei promemoria per le future scadenze o verifiche, oppure ancora per impostare una gita. È così semplice usarli in classe e possono davvero fare la differenza! Se sei un insegnante che non conosce bene i social puoi anche chiedere ai tuoi alunni di spiegarteli: saranno felici di aiutarti.

5. Essere un buon esempio da seguire
È necessario essere un modello da seguire per gli studenti. Per esempio, è bene modificare le impostazioni della privacy in modo da rendere il proprio profilo privato e far sì che anche gli studenti imparino e seguano le orme del proprio insegnante, in modo da usare i social in sicurezza. Utilizzare i social media in classe sembrerebbe essere quindi un buon modo per coinvolgere maggiormente gli alunni e rendere il loro apprendimento più divertente e interessante. Se sei un insegnante, quindi, cosa aspetti a provare?


Altri articoli...

22 Maggio 2018
Scuola
Altro
Non sempre, nell'ambito scolastico, avere una buona intuizione viene valorizzato...
23 Ottobre 2018
Scuola
Tecnologia
 Nel 1929 Edwin Hubble scopre che il nostro universo si espande in maniera ...
02 Aprile 2019
Altro
Negli ultimi anni i cambiamenti verificatesi all'interno dei diversi contesti am...
04 Luglio 2019
Tecnologia
Negli ultimi anni l'"immersive storytelling" ha avuto grande successo in diversi...

Centro Leonardo sul web

 

  

Centro Leonardo su TeleNord

  • TGN - i DSA

  • Il Logopedista per curare i disturbi del linguaggio

  • L’orientamento scolastico

Centro Leonardo su Radio 19

  • Chi può fare la diagnosi DSA
    Chi può fare la diagnosi DSA

  • Compiti e DSA
    Compiti e DSA

  • DSA e difficoltà emotive
    DSA e difficoltà emotive

  • DSA e inglese
    DSA e inglese

  • DSA quando intervenire
    DSA quando intervenire

  • Il tutor didattico
    Il tutor didattico

  • La dislessia
    La dislessia

  • La dislessia (2)
    La dislessia (2)

  • Le competenze matematiche
    Le competenze matematiche

  • Senso di efficacia e impotenza appresa
    Senso di efficacia e impotenza appresa

  • Sport e DSA
    Sport e DSA

Search