NOTA!! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Psicologia e Apprendimento

Il blog di Centro Leonardo

La terapia a distanza per l'ADHD

Durante questa emergenza sanitaria dovuta al COVID-19 il modo di seguire i bambini e ragazzi con ADHD ha dovuto reinventarsi. In mezzo a questa crisi, le visite da casa sono un piccolo cambiamento che può semplificare la vita.
La terapia a distanza si è rivelata molto efficace e presenta alcuni vantaggi.

In primis poter rimanere nella propria casa fa sì che il bambino o il ragazzo si senta a proprio agio e sintomi che potrebbero non essere così evidenti in un contesto nuovo e controllato, come uno studio, possono invece manifestarsi.
Un altro vantaggio è di natura logistica: restando a casa è praticamente impossibile arrivare in ritardo all'appuntamento, che può capitare ai ragazzi con ADHD. Inoltre, alcuni genitori hanno riferito di preferire questa modalità a distanza perché riduce lo stress provocato dal doversi recare in studio.

Per cercare di ricreare il clima delle interazioni dirette vis a vis è importante avere sempre la webcam accesa e la fotocamera ben posizionata e può essere consigliabile chiudere altri programmi aperti sul dispositivo per evitare distrazioni e concentrarsi esclusivamente sull'incontro. La comunicazione e la fiducia sono sempre alla base della cura dell'ADHD.

La terapia a distanza è ancora più efficace per gli adolescenti. Grazie a messaggi di testo, videogiochi e social media, la comunicazione digitale è il loro modo naturale di connettersi con amici e familiari.
Senza alcuna pressione nel dover stabilire un contatto visivo diretto o nel mostrare emozioni in un ambiente come lo studio, molti di loro possono essere ben disposti a esplorare questioni più profonde. La terapia a distanza con gli adolescenti offre un'opportunità unica per lavorare su modelli comportamentali, affrontare i problemi emotivi e ideare nuovi interventi.

Vi sono anche delle limitazioni: è difficile confortare qualcuno che piange o è agitato attraverso uno schermo e possono esserci interferenze da parte degli altri membri della famiglia.
Se queste difficoltà vengono riconosciute e superate, i risultati della terapia a distanza possono essere molto produttivi.

Altri articoli...

26 Aprile 2018
Scuola
Altro
Dicesi "elefante in una vetreria" una persona che con qualsiasi piccolo atto sem...
04 Luglio 2019
DSA-BES
ADHD
Il disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (ADHD) è stato a lungo pens...
22 Settembre 2020
Scuola
ADHD
Quest'anno il ritorno a scuola è diverso e tutti i genitori, alunni ed insegnant...
01 Marzo 2018
Altro
Dott.ssa Daniela Rosadini e Dott. Niccolò Gorgoni - Mindfulness in famiglia -&nb...

Centro Leonardo sul web

 

  

Centro Leonardo su TeleNord

  • TGN - i DSA

  • Il Logopedista per curare i disturbi del linguaggio

  • L’orientamento scolastico

Centro Leonardo su Radio 19

  • Chi può fare la diagnosi DSA
    Chi può fare la diagnosi DSA

  • Compiti e DSA
    Compiti e DSA

  • DSA e difficoltà emotive
    DSA e difficoltà emotive

  • DSA e inglese
    DSA e inglese

  • DSA quando intervenire
    DSA quando intervenire

  • Il tutor didattico
    Il tutor didattico

  • La dislessia
    La dislessia

  • La dislessia (2)
    La dislessia (2)

  • Le competenze matematiche
    Le competenze matematiche

  • Senso di efficacia e impotenza appresa
    Senso di efficacia e impotenza appresa

  • Sport e DSA
    Sport e DSA

Search