NOTA!! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Psicologia e Apprendimento

Il blog di Centro Leonardo

Lo sviluppo della leadership

Negli ultimi anni i cambiamenti verificatesi all'interno dei diversi contesti ambientali hanno messo sempre più a dura prova le capacità di apprendimento degli individui: infatti, le modalità attraverso cui è possibile apprendere e accrescere le proprie conoscenze dovrebbero avvenire in tempi molto più rapidi e sempre più ristretti per favorire lo sviluppo non solo del contesto in cui è collocata la persona, ma anche di quest'ultima. Il processo di apprendimento e di sviluppo dell'individuo deve essere considerato come il risultato di una relazione e di uno scambio tra la persona, avente tutte le caratteristiche proprie che la rendono unica, come le capacità cognitive, quelle socio-relazionali, affettive ed emozionali, e l'ambiente in cui è collocata, che può riferirsi alla famiglia, alla scuola, etc. I modi con cui è possibile apprendere possono essere spiegati attraverso tre modelli principali:

  • il modello competitivo, secondo cui ogni sforzo da parte di una persona tende a ridurre la possibilità di conseguire gli obiettivi da parte degli altri ("se tu vinci, io perdo/se io vinco, tu perdi");
  • il modello individualistico, secondo cui il conseguimento dei propri obiettivi non influisce o ostacola il conseguimento degli obiettivi da parte degli altri ("siamo tutti qui, soli/ognuno lavora per sé");
  • infine, il modello cooperativo, secondo il quale gli sforzi orientati all'obiettivo da parte di ciascuna persona contribuiscono al conseguimento degli obiettivi anche da parte dei compagni ("affondiamo o nuotiamo insieme").

Quest'ultimo modello di apprendimento si basa sull'interazione all'interno di un gruppo di persone che collaborano al fine di raggiungere un obiettivo comune attraverso un lavoro di approfondimento, che porterà alla costruzione di nuova conoscenza. Gli studiosi David e Johnson hanno approfondito questo modello identificando cinque competenze necessarie per effettuare un lavoro di gruppo efficace: la leadership, la comunicazione, la gestione dei conflitti, la capacità di prendere decisioni e la fiducia tra i membri del gruppo. Ci focalizzeremo in particolare sulla leadership.


La leadership distribuita
La leadership è considerata un insieme di abilità apprese che tutti i membri possono acquisire. Essa può dipendere da:

  • un comportamento flessibile della persona, che consiste nella capacità di saper combinare l'abilità di parola e ascolto, di rispetto degli orari e di attenzione per i processi del gruppo;
  • dall'abilità a diagnosticare quali comportamenti sono necessari in un particolare momento affinché il gruppo funzioni in modo efficace;
  • infine, dalla capacità di impegnarsi e di adempiere questi comportamenti o di ottenere che altri li adempiano.

Lo scopo principale è quello di mettere in atto una serie di azioni volte ad aiutare il gruppo a svolgere il proprio compito, mantenendo al contempo buone relazioni tra i membri che lo costituiscono. Le funzioni della leadership sono valide se contribuiscono all'efficacia del gruppo nell'esecuzione del compito (raggiungimento di un obiettivo comune); se favoriscono relazioni di gruppo funzionali al conseguimento di un compito successivo qualitativamente superiore (mantenimento di buone relazioni); e infine, se ogni componente del gruppo ha ricoperto tali funzioni. La leadership distribuita viene applicata in quei gruppi in cui si predilige la cooperazione tra i membri: in questo caso, ciascuna persona appartenente è in grado di apprendere dagli altri o alle diverse situazioni che si presentano, di mettersi in gioco e di rendersi disponibile alle esigenze, in modo da raggiungere insieme agli altri l'obiettivo comune. Nel gruppo cooperativo non viene scelto un solo leader, ma tutti i membri esercitano le competenze di leadership quando è necessario. Al contrario, nei gruppi tradizionali un unico individuo viene scelto dal gruppo per ricoprire il ruolo di leader: egli è responsabile dell'esecuzione e del completamento dei diversi compiti; esercita tutte le competenze proprie della leadership e assegna i compiti e i ruoli a ciascuna persona del gruppo.

 

Altri articoli...

30 Novembre 2017
Scuola
DSA-BES
1. Trova un luogo dove studiare che sia lontano da possibili distrazioni. L'idea...
14 Febbraio 2018
Scuola
Dott.ssa Serena Toniolo - Un problema, sempre più di maggior rilievo in que...
31 Luglio 2019
Scuola
DSA-BES
La dislessia consiste in una difficoltà nella decodifica del testo e dunque anch...
05 Maggio 2019
Altro
La leadership è considerata un insieme di abilità apprese che tutti i membri pos...

Centro Leonardo sul web

 

  

Centro Leonardo su TeleNord

  • TGN - i DSA

  • Il Logopedista per curare i disturbi del linguaggio

  • L’orientamento scolastico

Centro Leonardo su Radio 19

  • Chi può fare la diagnosi DSA
    Chi può fare la diagnosi DSA

  • Compiti e DSA
    Compiti e DSA

  • DSA e difficoltà emotive
    DSA e difficoltà emotive

  • DSA e inglese
    DSA e inglese

  • DSA quando intervenire
    DSA quando intervenire

  • Il tutor didattico
    Il tutor didattico

  • La dislessia
    La dislessia

  • La dislessia (2)
    La dislessia (2)

  • Le competenze matematiche
    Le competenze matematiche

  • Senso di efficacia e impotenza appresa
    Senso di efficacia e impotenza appresa

  • Sport e DSA
    Sport e DSA

Search